Come difendersi dall’influenza stagionale 2020 – 2021

Condividi

Molti clienti in questi giorni vengono in farmacia per chiedere informazioni sulla disponibilità del

vaccino antinfluenzale, soprattutto quest’anno in cui al ceppo stagionale ‘20-‘21 si sovrappone la

presenza del Covid 19.

Purtroppo la risposta che dobbiamo dare è un po’ scoraggiante: per il Covid 19, come tutti sanno,

ancora non c’è un vaccino, mentre l’antinfluenzale ’20-’21 è disponibile, al

momento, in quantità limitate e solo per i medici di famiglia che provvederanno a selezionare i

pazienti maggiormente bisognosi per fasce d’età e/o patologie pre-esistenti. Per tutti gli altri pazienti

allo stato attuale, non ci sono confezioni di vaccini disponibili, i depositi risultano sprovvisti.

Cosa fare dunque?

Nell’attesa che la situazione si sblocchi è consigliabile prendere in considerazione le diverse opzioni

disponibili per aumentare le difese immunitarie

 

Vediamo cosa abbiamo a disposizione e alcuni esempi:

 

  • FARMACI IMMUNOSTIMOLANTI

I più prescritti sono in genere lisati batterici liofilizzati di Haemophilus influenzae,

Streptococcus(Diplococcus) pneumoniae, Klebsiella pneumonia essp. pneumoniae essp.ozaenae,

Staphylococcus aureus, Streptococcus pyogenes e sanguinis (viridans), Moraxella

(Branhamella/)catarrhalis.

Possono contribuire a ridurre il numero e l’intensità degli episodi infettivi, stimolando le

difese naturali dell’organismo e la resistenza alle infezioni delle vie respiratorie.

Si assumono per 10 giorni consecutivi al mese, per la durata di 3 mesi

Un altro farmaco immunostimolante è a base di pidotimod, in grado di incrementare in modo

significativo la risposta fisiologica del sistema immunitario a un agente infettivo attraverso lo stimolo

alla maturazione delle cellule dendritiche (  sono cellule specializzate nella cattura di antigeni).

Inoltre il pidotimod determina un potenziamento a lungo termine dell’attività del sistema

immunitario, incrementando l’espressione di molteplici geni coinvolti

nell’infiammazione e nella chemiotassi ( la chemiotassi è un meccanismo mediante il quale alcune

cellule si muovono in risposta a uno stimolo chimico )

Entrambi, sia i lisati batterici che il pidotimod, richiedono la prescrizione medica.

 

  • PRODOTTI FITOTERAPICI E NATURALI

Piante dall’azione immunostimolante sono ad esempio, l’Echinacea, l’Uncaria, l’Astragalo

inoltre sostanze naturali derivate dalle api come la Propoli e la pappa reale. Sono disponibili in varie

forme (compresse, bustine, flaconcini, tinture madri) e anche in associazione tra loro.

A questi si sommano la vitamina A, C, D, E e lo Zinco, presenti in molti integratori invernali.

I fermenti lattici oltre ad agire, direttamente o meno, sui mediatori della risposta immunitaria

dell’ospite, favoriscono il benessere dell’organismo anche attraverso la competizione con i patogeni

per la colonizzazione del tratto intestinale.

Di origine animale, il colostro, è un fluido prodotto dalla ghiandola mammaria nei primissimi giorni

dopo il parto, la sua azione immunostimolante deriva dall’elevato contenuto di immunoglobuline

(IgA, IgG, IgM, IgE), enzimi (lisozima), peptidi antimicrobici (lattoferrina), citochine e fattori di

crescita, questi ultimi importanti per la maturazione e lo sviluppo dell’immunità passiva nei neonati.

 

 

  • PRODOTTI OMEOPATICI

I prodotti più utilizzati sono a base di Anas barbariae, un liofilizzato da assumere per via orale, per la

 prevenzione delle patologie invernali in quantità di un tubo-dose a settimana, oppure Influenzinum

 che contiene ceppi virali e batterici, tipici della stagione invernale (Influenzinum, Staphylococcinum,

 Streptococcinum, Klebsiella Pneumoniae, Aviaire) tutti alla diluizione 9CH, e che può essere

utilizzato anch’esso sia a scopo preventivo che nello stato acuto influenzale.

 

Nessuno di questi prodotti può garantire però una copertura del 100% verso le patologie invernali

(virali o batteriche esse siano) ma sono utili a mantenere l’organismo nelle migliori

condizioni possibili. E’ infatti accertato che un corpo sano e con le difese immunitarie al top reagirà

meglio agli attacchi dei patogeni!

Oltre a queste sostanze, farmaci o integratori naturali, ricordiamoci di utilizzare i dispositivi di

protezione individuale dove la situazione lo richieda, lavarsi spesso le mani e/o utilizzare gel a base

di alcol o amuchina. 

E non dimentichiamo che anche una corretta alimentazione e un’attività fisica di tipo sportivo

contribuiscono  ad aumentare le difese immunitarie.

Adesso è il momento giusto per iniziare le cure e mettere in pratica questi suggerimenti, quindi

fatevi consigliare dal vostro medico o dal vostro farmacista di fiducia!

Per approfondire :

https://pennaecaduceo.it/difese-immunitarie-e-patologie-invernali/

 

Posted in Uncategorized.